Il Vermouth nasce a Prato nel 1750

Ultimo aggiornamento 19 aprile 2018.

Il Vermouth nasce a Prato nel 1750

Prato è una terra che non finisce mai di stupire, tanti sono i tesori del gusto che caratterizzano questo territorio, uno di questi è una vera sorpresa, il Vermouth. Documenti storici fanno risalire la sua nascita al 1750, quindi ben prima del più noto del Vermouth Piemontese. 

La sua origine si lega probabilmente alla tradizione mercantile del territorio, il passaggio di spezie provenienti da diverse parti del mondo uniti all’ingegno dei pratesi ha dato origine a questo straordinario prodotto. La lavorazione era assolutamente artigianale e contadina, veniva prodotto dalle donne con uva bianca non ancora matura ed erbe raccolte nei campi e servito come aperitivo o digestivo durante le feste natalizie.  La tipicità del prodotto è legata non solo agli ingredienti, ma anche alla procedura di trasformazione e agli attrezzi utilizzati.

Ispirati dal ricordo dei nonni contadini, dal 2007, Cristina e Fabio, hanno deciso di riportare alla luce il Vermouth Bianco di Prato e con coraggio e determinazione hanno creato l’Opificio Nunquam, un laboratorio artigianale, basato su due regole fondamentali: il rispetto della tradizione, il processo di lavorazione è ancora oggi interamente manuale; l’assoluta qualità delle materie prime senza nessun utilizzo di aroma “naturale” o coloranti aggiunti.

Ma come nasce il Vermouth? La materia prima di partenza è fondamentale, si deve partire da un ottimo vino bianco, naturalmente  locale, in cui vengono messe a macerare per il tempo necessario, dopo essere state schiacciate in un pestello di marmo, erbe aromatiche, erbe officinali spontanee e spezie spezie: enula campana, genziana, galanga, cannella, calamo aromatico, chiodi di garofano, centaurea, assenzio pontico e romano, coriandolo, noce moscata, bucce di limone e di arancia dolce e amara. Al composto si aggiunge un po’ di zucchero e pochissimo alcool e lascia maturare tutto per qualche giorno. 

Il Vermouth ottenuto ha colore giallo carico leggermente ambrato, sapore dolciastro con una nota di acidulo ed un retrogusto piacevolmente amarognolo, odore molto intenso speziato e fruttato con un tenore alcolico di 15 gradi, nel prodotto finale si ritrova tutta l’intensità e la freschezza delle erbe aromatiche.

Si può bere fresco ed è perfetto se abbinato ai fantastici Biscotti di prato.

Ma il Vermouth, oggi è soprattutto il principe dei cocktail, dai più classici ai più innovativi, e a Prato sono sono tanti i locali a Prato dove è possibile gustare aperitivi a base del Vermouth Bianco di Prato.

 

Articolo successivo

Articolo precedente

Articoli simili

Pingback

I pingback sono aperti.

Trackback

  1. Skyline Swindon Roofing on 23/10/2021 04:04:14 #

    eatPrato - Il Vermouth nasce a Prato nel 1750

  2. ball on 23/10/2021 04:08:37 #

    eatPrato - Il Vermouth nasce a Prato nel 1750

  3. free porn cam sites on 23/10/2021 04:15:42 #

    eatPrato - Il Vermouth nasce a Prato nel 1750

  4. kunjungi website kami on 23/10/2021 04:18:22 #

    eatPrato - Il Vermouth nasce a Prato nel 1750

URL del Trackback

Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto